Lycée Léonard de Vinci - Amboise

disciplines

La gioventù francese di oggi

Vous êtes ici : Disciplines > Langues > Italien > La gioventù francese di oggi
 

La gioventù francese di oggi

 

Oggi i giovani francesi come quelli italiani si trovano nella precarietà e trovare un lavoro è difficile. Il fenomeno dei « tanguy » come quello dei « bamboccioni » è dilagante, allora i giovani si ribellano per fare reagire lo stato.

Prima in Francia nella generazione dei giovani che oggi sono adulti, i giovani se ne andavano di casa presto, alla fine del liceo tra i diciotto e i venti anni più o meno. Tra gli anni '60 e '80, i giovani trovavano più facilmente un lavoro per vivere e continuare gli studi, dunque l'autonomia era più facile da raggiungere rispetto ad oggi. In effetti adesso un giovane su due tra i ventuno e i ventiquattro anni, e uno su cinque tra i venticinque e i ventinove anni, vive ancora a casa di mamma e papà, secondo un'inchiesta dell' Istituto «Louis Harris» del Novembre 1997. Così nel 2005 più o meno il 44 % dei giovani tra i diciotto e i ventinove anni viveva ancora con i genitori.

 

Ma perché i francesi non lasciano il nido familiare? Innanzitutto, il 17 % dei givani che non vive con i genitori ha un reddito basso. Ma anche perché, trovare un lavoretto per avere un primo stipendio oltre a continuare gli studi, adesso è difficile. Dunque il primo alloggio viene più tardi e i giovani restano con i genitori. Ma quando si finiscono gli studi, malgrado i diplomi, trovare un lavoro non è una cosa evidente. In più dell'allungamento degli studi, la disoccupazione, la precarietà del lavoro e il prezzo degli alloggi, la crisi non apre veramente le porte del lavoro alla gioventù. Per tutte queste ragioni molti giovani francesi stanno ancora con i genitori, non per piacere ma per necessità.

 

Il paragone tra il nostro paese e l'Italia si può fare, il fenomeno dei « bamboccioni » è un po' simile a quello dei « tanguy » francesi. Ma anche se la precarietà del lavoro è simile, in Italia la situazione è diversa, le famiglie italiane e francesi sono diverse. In effetti, in Italia il fenomeno può anche venire dalla famiglia, più in particolar modo dai genitori che vogliono tenersi i figli a casa. In Francia è piuttosto diverso, i giovani restano per necessità con i loro genitori, non per insistenza della famiglia. Così il punto di vista è diverso ma il fenomeno è lo stesso e i giovani francesi come quelli italiani sperano di fare reagire lo stato per cambiare le cose.

 

 

Suzie Chavrot (TLV2 italiano)
Notre actu

09 septembre 2022

BIA

Lire la suite {+}

09 septembre 2022

BIA

Lire la suite {+}

09 juin 2021

Option Histoire de l'ART (HIDA)

Lire la suite {+}

plus d'actus