Lycée Léonard de Vinci - Amboise

disciplines

La cultura Italiana nel tempo

Vous êtes ici : Disciplines > Langues > Italien > La cultura Italiana nel tempo

Il fenomeno dell'evoluzione della lingua

 

Con le nuove tecnologie le abitudini cambiano in Italia come negli altri Paesi: il fenomeno è lo stesso. I giovani rappresentano la parte più implicata nell'evoluzione delle tecnologie.

In primo piano abbiamo tutti i supporti che rappresentano la comunicazione senza filo, con i cellulari, smartphone, Iphone...

Nel quotidiano “La Stampa”, un articolo del 5 gennaio 2012 si interressa alla lingua italiana nel tempo degli sms.

Spiega gli aspetti di un fenomeno che si diffonde, che fa parlare di sè e rappresenta per lo stato un problema perché scrivere con abbreviazioni può avere un impatto sull'ortografia dei giovani con conseguenze sui più piccoli, che studiano la lingua italiana a scuola.

 

La presidentessa dell”Accademia della Crusca interviene per dare la sua opinione sulla questione:

 

“La scuola di oggi ha un compito essenziale: quello di formare linguisticamente i propri allievi nella propria lingua materna. Formare vuol dire appunto dare una competenza comunicativa, cioè la capacità di variare la lingua a seconda delle diverse situazioni comunicative, quindi nel parlato e nei diversi tipi di scritto. Per questo è necessario iniziare a farlo da subito, dalle elementari fino alla fine del percorso scolastico”

 

Le abbreviazioni si spiegano come un fatto di comunicazione che ha per scopo di guadagnare tempo, a discapito di un uso corretto della lingua. Secondo la presidentessa dell'Accademia della Crusca, l'italiano non si può difendere con queste nuove forme linguistiche perchè lo si degrada. Infatti, il problema secondo lei è che questo tipo di comunicazione fa scrivere male la gente, e ha dopo delle conseguenze nefaste sull'italiano scritto (soprattutto dei giovani che usano questo tipo di scrittura).

 

Un' altra caratteristica di questo tipo di scrittura effimero e rapido è che lo scrivente non rilegge i testi, dunque molti errori di ortografia non sono corretti e le nefaste abitudini sono integrate. Non sono dei gravissimi errori ma hanno un impatto sulla lingua . Sono per esempio di questo tipo: uso degli apostrofi diverso o anomalo, ma anche parole scritte unite là dove dovrebbero essere separate. Tutti questi errori una volta assimilati sono difficili da perdere.

 

Ma la lettura secondo Nicoletta Maraschio è uno strumento fondamentale per fare attenzione alla lingua. Oggi questa lingua basata su abbrevazioni ha anche sviluppato dei manuali online, che servono a spiegare o a dare delle ideé di abbreviazioni che sono in circolazione negli sms.

 

Allora la lingua italiana come ogni lingua cambia nel tempo. Un altro articolo tratto dal quotidiano “Il corriere della sera” scritto il 3 gennaio 2012 presenta un dizionario sul cambiamento della lingua, e le nuove parole.

 

Wordnik è un dizionario online che evolve con la lingua utilizzato su internet, sui blog, sulle tchat, su facebook... Il dizionario ha per scopo di cercare ogni tipo di innovazione linguistica, per fare scomparire lo scarto fra linguaggio usato su internet e linguaggio parlato.

 

La lingua evolve ogni giorno, e gli autori del progetto pensano che Wordnik sia un programma interressante perché è più vicino agli interessi della gente.

Ma i linguisti non sono d'accordo, alcuni di loro dicono che queste esperienze sono interessanti, ma altri pensano che sarebbe meglio se un esperto lessicografo facesse il lavoro al posto del sistema automatico di Wordnik.

 

Un' ultima domanda rimane, il nostro tempo fa molte innovazioni, crea molte nuove espressioni e parole. Ma queste, se si sono diffuse velocemente sono destinate a sparire con altrettanta rapidità. È per questo motivo che molte parole non sono integrate nel dizionario ufficiale della lingua italiana, perché secondo il giornalista Carlo Formenti, “Non si può rischiare di “imbastardire” il linguaggio più che innovarlo!”.

 

 Suzie CHAVROT  TES2   LV2

 

 

 

 

Notre actu

09 septembre 2022

BIA

Lire la suite {+}

09 septembre 2022

BIA

Lire la suite {+}

09 juin 2021

Option Histoire de l'ART (HIDA)

Lire la suite {+}

plus d'actus