Lycée Léonard de Vinci - Amboise

disciplines

Famiglie italiane e francesi

Vous êtes ici : Disciplines > Langues > Italien > Famiglie italiane e francesi
Confronto tra la famiglia italiana e quella francese, ieri ed oggi

Le famiglie italiane e francesi di ieri sono differenti ma si somigliano.

Nella famiglia italiana come nella famiglia francese, il padre lavorava e era il capo della famiglia ; la madre si occupava della casa e dell'educazione dei figli ; i membri della famiglia mangiavano insieme durante un pasto. Le famiglie di ieri erano molto numerose. In Italia, uno dei nonni viveva spesso a casa di un figlio, e questo è vero ancora oggi in molti casi. In Francia, c'erano 3,1 persone per nucleo famigliare. Nei due Paesi, i figli naturali avevano meno diritti dei figli legittimi, e il divorzio era tabù. Era molto difficile per le persone che divorziavano rifarsi una vita.

Ma le cose sono cambiate.

Oggi, in Europa, ci sono in media due figli per famiglia. In Italia, una famiglia è composta in media di 2,41 membri, e in Francia di 2,3 membri. Gli italiani sono ancora molto legati ai nonni. La Francia occupa un buon posto in Europa per la natalità ; con 12,3 nascite ogni 1000 persone all'anno. Al contrario, l'Italia ha un basso tasso di natalità ; 8,3 nascite ogni 1000 persone all'anno. Il numero medio di figli per donna è 1,41 in Italia, contro 2,01 figli per donna in Francia. L'età media al parto in Italia è 31,2 anni, è più elevata dell'età in Francia ; 30,3 anni, e 28 anni per l'età media al primo parto.

Questo fenomeno è dovuto al fatto che i genitori lavorano tutti e due fuori casa, in Francia come in Italia, e non hanno più il tempo di occuparsi di più figli. Questo cambiamento è stato causato dall'industrializzazione dei due Paesi, e dall'emancipazione delle donne. A causa  del tasso di disoccupazione giovanile molto elevato, i figli italiani vivono con i genitori fino a trenta, trentacinque anni, e i figli francesi fino a venticinque, trenta anni. I giovani italiani sono più legati ai genitori dei giovani francesi.

C'è un altro cambiamento oggi : l'aumento del tasso di divorzi. Dopo la riforma sul divorzio nel 1974 in Italia e nel 1975 in Francia, la vita dei divorziati è migliorata. Infatti, questa riforma ha permesso di attenuare il senso di colpa. Oggi, la procedura di divorzio è meno lunga. Così, oggi i tassi di separazione e di divorzi con un figlio in Italia sono rispettivamente il 14,0 % e il 60,7 %. L'11 % delle famiglie sono ricomposte e il 18 % delle famiglie sono monoparentali in Francia. Da 2012, in Italia, e da 1972 in Francia, i figli naturali e i figli legittimi sono uguali.

 

Fonti : -lezioni d'italiano

-hors série « Science et vie » n° 272

-« ça m'intéresse » août 2012

-« Alternatives économiques » hors série n°69

-site de l'INSEE

 

Armande Verdier 1ère S2

 

 

  • La famiglia francese e la famiglia italiana di ieri.

Ieri, nella famiglia francese c'erano molti figli (cinque o più) a differenza della famiglia italiana perché gli italiani avevano uno o due figli.

Ieri le donne francesi o italiane si occupavano della casa e dell'educazione dei figli mentre gli uomini andavano a lavorare per guadagnare soldi per la loro famiglia.

Ieri, i genitori nei due tipi di famiglia non si separavano perché era una tradizione, e era molto importante restare insieme.

In Francia e in Italia la famiglia tradizionale era agricola e patriarcale.

In Italia nella famiglia tradizionale vivevano tutti i membri della famiglia. Dal 1966, la donne e gli uomini francesi sono uguali e lavorano tutti e due.

Quindi le due famiglie tradizionali, francese ed italiana, sono differenti ma con alcuni punti in comune.

 

La famiglia francese e la famiglia italiana di oggi

 

Oggi, la famiglia francese é molto diversa: due padri, due madri, un padre o una madre ma ancora una madre con un padre.

Generalmente la famiglia francese é diversa dalla famiglia italiana.

In Italia ci sono meno separazioni rispetto alla Francia (126400 separazioni per 27800 matrimoni nel 2005).

Tuttavia, nelle famiglie italiane c'è un buon rapporto tra i vari membri e ancora di più tra i figli e la madre. I figli italiani vivono con i genitori fino a 30-35 anni per motivi economici.

Invece in Francia i figli vivono con i genitori fino a 20 anni.

I francesi sono diventati come gli italiani perché hanno meno figli di prima, uno o due figli come gli italiani.

Eppure, oggi le due famiglie sono ancora diverse. Gli italiani vogliono conservare le tradizioni più dei francesi

 

Bossard Johanna 1ST2S1

 

 

 

 

La famiglia italiana e la famiglia francese, di ieri e di oggi.

 

 

In Francia, nel XVIII secolo, nella società rurale e contadina, i figli di sette anni lavoravano come gli adulti. Nella famiglia tradizionale italiana, le mogli si occupavano dell'educazione dei figli e della casa, gli uomini lavoravano. I figli maschi, una volta raggiunta una certa età, imparavano il mestiere del padre e lavoravano.

In Francia, tra il 2000 e il 2010, i matrimoni sono diminuiti del 18%, i divorzi in Francia si sono moltiplicati per tre e per cinque in Italia.

Oggi, nelle case italiane vivono insieme più generazioni, nonni, figli, nipoti e nuore. In Francia il modello della famiglia nucleare cambia con la monoparentalità. L’ 8% dei meno di 25 anni vivevano con un solo genitore nel 1968, il 18% nel 2007.

I bambini nascono oramai fuori del matrimonio, erano il 6% nel 1970 e oggi sono il 57,2% in Francia.

In Italia c'è stato lo stesso fenomeno nel 2011 : 134 mila bambini sono nati da coppie non sposate.

Le donne hanno il primo bambino a 31,2 anni in Italia e in Francia l'hanno a 28 anni.

In Italia, il 51% dei figli restano a casa con i genitori più a lungo rispetto ai figli in Francia.

Possiamo osservare che l'evoluzione della famiglia italiana e della famiglia francese è differente, per il numero dei figli o per l'età del primo bambino per esempio.

 

Sarah Houël   1ère ES  LV2 italiano

 

 

Notre actu

09 septembre 2022

BIA

Lire la suite {+}

09 septembre 2022

BIA

Lire la suite {+}

09 juin 2021

Option Histoire de l'ART (HIDA)

Lire la suite {+}

plus d'actus